Iscriviti alla newsletter

Back

La Terra ha sete: dai bagni chimici al giardinaggio consapevole, 10 consigli creativi per adottare un consumo di acqua sostenibile a partire dalle nostre case.

La scarsità delle risorse idriche è un problema importante che richiede l’impegno di tutti per essere controllata. L’emergenza idrica della scorsa estate ha coinvolto metà delle regioni italiane e si è trasformata in un vero e proprio allarme che ha richiesto l’applicazione di sistemi di razionamento a livello locale.

Lo si dice spesso, senza prestarci troppa attenzione, ma sprecare l’acqua è un peccato destinato a essere pagato a caro prezzo. Ecco quindi alcuni consigli per una migliore gestione delle risorse idriche casalinghe.

1 – Chiudere i lavandini

Chiudere bene i lavandini. Sembra un’assurdità doverlo dire, ma lasciar scorrere l’acqua quando ci si spazzola i denti porta ad un consumo spropositato. Questo piccolo accorgimento da solo può far risparmiare quasi 6 litri d’acqua al minuto!

2 – Quella maledetta goccia

Restando in tema di lavandini: quella goccia che continua a cadere facendovi perdere l’autocontrollo con il suo drip-drip, sta anche consumando 15 litri di acqua al giorno. Per il bene della vostra salute mentale e del mondo, aggiustateli!

3 – Fate docce più brevi

Non è necessario abbandonarsi a tutta la discografia di Albano per sentirsi più puliti, quindi limitatevi ai ritornelli, chiudete l’acqua quando vi insaponate e risparmiate dai 5 ai 45 litri d’acqua al minuto. Felicità!

4 – Scegliete uno sciacquone a scarico differenziato

Un goccino di pipì non richiede le cascate Victoria per essere scaricato e potrete risparmiare tra gli 8 e i 10 litri a…seduta!

5 – Usate la lavatrice in modo efficiente

Circa il 22 % del consumo domestico di acqua proviene dall’uso della lavatrice: moderarne il consumo e accertarsi che sia a pieno carico può essere una forma efficiente di risparmio, e ci sono buone possibilità di non perdere più i calzini!

6 – Usate la lavastoviglie in modo efficiente

Idem per la lavastoviglie. Al contrario di quanto si creda, lavare i piatti a mano consuma di più di un  ciclo di lavastoviglie ben organizzato.

7 – L’orto si, ma con giudizio

Attenzione al giardino: annaffiare le vostre piante può arrivare a costituire il 60% dei vostri consumi domestici. Optare per un annaffiatoio, irrigare la mattina presto e la sera, e raccogliere l’acqua piovana possono essere piccole soluzioni per aiutare il pianeta, senza rinunciare al basilico fresco.

8 – Una bistecca in meno…

Mangiate meno carne: quella bella bisteccona succulenta può valere quasi come 30 docce. Sembra assurdo? L’enorme quantità di acqua consumata per l’allevamento del bestiame può essere ridotta aggiustando il nostro consumo di carne. E anche il colesterolo ve ne sarà grato.

9 – Il lavaggio delle verdure

Passiamo alle verdure, fate ben attenzione a come le lavate: lasciarle a mollo al posto che lavarle sotto l’acqua corrente può essere un modo per risparmiare. E se vi sentite particolarmente prodighi, la potete riutilizzare per bagnare il giardino (v. 7).

10 – L’auto scintillante

La passione tutta  italiana di lavare l’auto di sabato consuma moltissimo: riempire un secchio d’acqua e usare quello al posto del getto della canna farà risparmiare quasi 130 litri a lavaggio.

Send this to a friend