Iscriviti alla newsletter

Back

Bando alla malinconia, è ora di fare bilanci sull’anno appena trascorso. Ecco alcuni eventi che hanno lasciato il segno.

A cosa serve Dicembre se non a ingolfarsi di panettone e prosecco per dimenticare l’anno appena trascorso? Ai buoni propositi, dite voi? Si, ok, anche a quelli. Noi però preferiamo fare le pulci al 2018 e riderci sopra, prima che arrivi l’anno nuovo con un altro bastimento carico carico di c%&çte pronte a sorprenderci a tradimento. Allora ecco la top ten degli avvenimenti che ci hanno scaldato il c(uore) negli scorsi dodici mesi.

I Ferragnez

Il matrimonio reale dell’anno sarà anche stato quello di Megan e Harry, ma non vale niente di fronte a quello della famiglia reale italiana formata dal duo Ferragni-Fedez, che ha coronato il proprio sogno d’amore trasformando l’antica cittadina di Noto in un luna park, con tanto di karaoke e volo sponsorizzato dalla compagnia di bandiera. Bando alle facili ironie, non dobbiamo che ringraziare i Ferragnez per aver alleggerito il 2018 con delle perle notevoli, dal compleanno organizzato in un supermercato con tanto di lancio di cibo, all’acqua di marca venduta al ragionevolissimo prezzo di Euro 8. Indispensabili.

La pizza di Cracco

E sempre parlando di prezzi assurdi, come non menzionare la pizza margherita di Carlo Cracco? 16 Euro per una versione rivisitata di un superclassico italiano fatta con una salsa fatta con pomodorini confit e mozzarella di bufala aggiunta a crudo. Pare che l’impasto di cereali e farina venga fatto riposare 36 ore, e che il lievito madre utilizzato da Cracco abbia 85 anni. Più o meno la durata del mutuo che bisogna accendere per mangiare nei suoi ristoranti. Esclusivo.

Il Tunnel del Brennero

Il Tunnel del Brennero

Il tunnel invisibile

Ad aggiudicarsi il premio “gaffe dell’anno” sicuramente quella del Ministro dei Trasporti Toninelli sul tunnel del Brennero, utilizzato a detta sua da tantissimi imprenditori italiani per il trasporto su gomma. Peccato che il tunnel non sia ancora finito e che non sarà pronto prima del 2025. Non ci resta che incrociare le dita e sperare che la luce che vediamo venirci incontro non sia quella di un tir. E che non smetta mai di spararle così grosse. Misterioso.

Cara, ho dimenticato il bancomat

E` invece di qualche giorno fa la notizia di quel signore che si è fatto da Verona a Trieste in macchina per un incontro con una escort, mentre moglie e figlio lo aspettavano in auto. Come se non fosse sufficiente, al momento del pagamento è stato minacciato dal compagno dell’accompagnatrice armato di katana, che ha richiesto il regolare pagamento del servizio. Siccome però di euro ne aveva solo 140 al posto dei 300 pattuiti,  il nostro ha dovuto chiamare la moglie perché gli portasse il resto dei soldi per poi scappare e chiamare la polizia. Quando si dice “in ricchezza e povertà”.

Lapo Elkan davanti alla portiera distrutta della sua Ferrari

Lapo Elkan davanti alla portiera distrutta della sua Ferrari

Anche da fermo, Lapo non delude!

Che rassegna di gaffazze sarebbe senza l’irriducibile Lapo nazionale? Lo scorso aprile, dopo uno sciccosissimo pranzo al Four Seasons di Milano in compagnia di una gallerista dal nome esotico e sofisticato, il nostro eroe ha pensato bene di parcheggiare  e di aprire la portiera senza controllare che da dietro non arrivasse nessuno. Risultato: Ferrari nuova di zecca distrutta da un’ignara utilitaria. Mai una gioia.

Who are you gonna call?

Il 2018 ci ha regalato anche notizie di cronaca in cui è stato difficile non provare un’ondata di tenerezza nei confronti dei malfattori coinvolti. Tipo il caso di quell’uomo che a Pavia si travestiva da fantasma per rubare quadri e documenti di valore dalle case per anziani, pensando che non potesse essere riconosciuto. Ovviamente è stato beccato dai Carabinieri nel corso di un’operazione giustamente denominata Ghostbusters. Vogliamo conoscere il copywriter della Benemerita.

In prigione senza passare dal via!

Ma le cagate pazzesche di questo 2018 arrivano anche da molto lontano. Una nota di merito va alla giovane francese Cedella Roman, che essendosi da poco trasferita in Canada forse non ne aveva ben capito la morfologia. Tant’è che la giovane sportiva ha oltrepassato il confine ed è entrata illegalmente negli Stati Uniti mentre faceva jogging, finendo così in prigione per immigrazione illegale per due settimane. Sbadata.

Donald Trump e lo sguardo della Regina Elisabetta

Donald Trump e lo sguardo della Regina Elisabetta

A spasso con Liz

E come si fa a non parlare di Stati Uniti senza parlare del Presidente Trump, altro grande gaffeur di eccellenza. Durante la sua prima visita ufficiale in Gran Bretagna, ha suscitato l’ilarità generale rompendo il protocollo reale e camminando davanti alla Regina Elisabetta, che lo seguiva con uno sguardo che di solito riserva solo al Principe Filippo. Non contento, un mese dopo si è fatto sorprendere in un asilo in Ohio mentre colorava la bandiera americana con i colori sbagliati. Impareggiabile.

Ciò che è dato è dato

Sempre da oltreoceano, il premio “colossale svista volontaria” va invece al sempre placido Mark Zuckerberg, che lo scorso marzo si è trovato in acque a dir poco tempestose per colpa di ‘qualche’ dato personale venduto a Cambridge Analitica. Anni e anni di credibilità gettati, come si dice da queste parti, nel bagno mobile. Non solo ha dovuto giustificarsi davanti al Congresso: le rivelazioni hanno causato delle crisi esistenziali di persone impaurite che Facebook avesse scoperto che, in realtà, l’Università della Vita non esiste. Pedagogico.

Quando scappa e non c’è un bagno…

E come non finire questa collezione di cagate pazzesche con una Menzione d’onore a quella signora di Lecco che, colta impreparata, si è dimenticata di essere in una piazza pubblica e ha pensato bene di usare il parchetto come bagno a cielo aperto? Non vogliamo fare i saputelli, ma un bel “ve l’avevamo detto ci sta proprio. Mettetelo un Sebach ogni tanto.

Send this to a friend