Iscriviti alla newsletter

Back

E così, eccoci qui: tutti in casa a fronteggiare il Coronavirus. Con qualche sacrificio e magari un po’ di ansietta, ma tutti uniti e determinati a curare l’Italia. E indovina, indovinello, qual è la stanza in cui noi italiani passiamo la maggior parte del tempo? Esatto, il bagno. Volete quindi sapere come fare a tenere quest’oasi di pace protetta dall’invasore microbiologico?

1 – Pulire le superfici

Mica pensavate che bastasse stare a distanza di sicurezza per prevenire la diffusione del virus! Quella è la regola di base, ma anche pulire bene le superfici e le stanze, soprattutto la stanza da letto e il bagno, serve a creare un ambiente più sano. Quindi sotto con l’olio di gomito, soprattutto su maniglie, lavandini, sedute, ma anche telefonini, tastiere e tutte quelle cose che vengono toccate di frequente.

2 – Scegliere i disinfettanti giusti

Certo in questo momento la tentazione di dare fuoco al bagno e non pensarci più può essere forte, ma pensateci. Non durerà in eterno e un giorno rimpiangerete di aver rovinato quel bel marmo di Carrara. Dunque, scegliete con cura un buon disinfettante: acqua e candeggina vanno benissimo, così come qualsiasi soluzione alcolica a più del 70%. Ricordatevi di non mischiare mai candeggina e ammoniaca però, altrimenti vi scoppia la casa. Così giusto per dire.

3 – Lavare gli asciugamani

L’amore è bello ma  sarebbe meglio che in questo periodo ognuno si facesse gli asciugamani propri. Quindi anche se siete solo in due a usare lo stesso bagno fate attenzione a non scambiarli, e al massimo lavate tutto e sostituite con degli asciugamani puliti. E se il vostro bel romanticone insiste a voler usare il vostro accappatoio, fatelo sparire prima che esca dalla vasca, e poi mettetevi in un angolo a ridere.

4 – Cautela nei bagni pubblici

Perfino noi che come delle casalinghe disperate ce le inventiamo tutte per tenere igienizzati i nostri bagni mobili, non possiamo vedere le schifezze microscopiche che a volte vi si depositano. Quindi, se in questo periodo vi capitasse di usare un bagno pubblico, munitevi di salviettine igienizzanti e cercate di stare alla larga dal contatto diretto.

5 – Aprite le finestre

E non solo per cambiare aria dopo una sessione in bagno particolarmente impegnativa. Il virus non ama starsene dove gira aria fresca e pulita, quindi è consigliato aprire le finestre regolarmente per cacciarlo fuori. Si, lo sappiamo anche noi che fa ancora un po’ freschino, ma coraggio, non siamo al polo nord.

6 – L’abbiamo già detto? Lavatevi le mani!

Come un mantra per un monaco tibetano, come supercalifragilistichespiralidoso per Mary Poppins, come Po-po-po-po-po-po ai Mondiali: “Lavati le mani” è l’inno di questo momento storico. Non ci sono scuse, solo tecniche di lavaggio: bene, a fondo, per almeno venti secondi, sotto l’acqua corrente. E con il sapone. Forza, ce l’hanno insegnato all’asilo, non è difficilissimo. Ce la possiamo fare!

Send this to a friend