Iscriviti alla newsletter

Back

Il fiammifero cattura odore e l’insonorizzazione del bagno non funzionano? È colpa di quello che mangi.

Asparagi: le piante più temute dai bagni italiani!

Quiche, pappardelle, risotti, frittate e ancora crepe e flan… ma anche grigliati, arrotolati, al forno, lessi e pure crudi. A meno che voi non siate tra i fortunati che non subiscono gli obblighi familiari primaverili, lo sapete: ai pranzi di matrimonio, cresima o battesimo i piatti a base di asparagi sono un must! Peccato che gli odori del bagno scatenino drammi da soap sudamericana.

Il consiglio: i peperoni! Magari rendono i piatti più pesanti da digerire, ma funzionano bene per contrastare certi odori.

Broccoli, cavolfiori, cavoletti e verze: già… ancora verdure

Sembra una maledizione, ma se in primavera non puoi sfuggire agli asparagi, in inverno è impossibile evitare le cavolacee. La digestione di questi alimenti produce acido solforico, che viene poi rilasciato gradualmente attraverso… i gas intestinali. Sono però alimenti che fanno benissimo, quindi?

Il consiglio: certo il piatto potrà prendere una spinta fusion, ma aggiungere coriandolo e cumino come piovesse minimizzerà gli effetti sgradevoli.

Fagioli, piselli, ceci, lenticchie: il meteorismo degli angeli

Una pagnotta intera per fare scarpetta, il cucchiaio di legno impugnato saldo e i fagioli stufati mangiati direttamente dalla padella. Bud Spencer e Terence Hill non se l’abbiano a male, ma se un (forte) evento meteorico può causare ilarità sul grande schermo, nella vita di tutti i giorni può risultare quantomeno imbarazzante, specie se c’è qualcuno che bussa fuori dal bagno aspettando il suo turno.

Il consiglio: 12-24 ore di ammollo aiutano ad ammorbidire la cuticola che riveste il seme, aumentandone la digeribilità. Potete inoltre aggiungere a fine cottura una vera alleata contro il gonfiore addominale: la santoreggia (non fatevi terrorizzare dall’assonanza).

Latte, formaggi, gelati, frappè, creme: mai una gioia!

Ovviamente le cose più buone del mondo non potevano essere escluse dalla lista degli alimenti nemici del bagno! Il colpevole è uno soltanto (e non è la vostra gola), cioè un’intolleranza ai latticini che anche se lieve può causare gonfiore e meteorismi.

Il consiglio: i passe-partout sono formaggi stagionati e gelati alla frutta.

Dolcificanti, caramelle dietetiche e diet chewing-gum: finalmente una gioia… o così speri

Stare attenti alla linea è il classico buon proposito per l’anno nuovo? Benissimo, ma i dolcificanti artificiali contengono sorbitolo e mannitolo, sostanze che possono contribuire alla produzione di gas intestinale. Insomma… la fregatura c’è sempre! A cosa serve ridurre un alimento di 10 kcal se poi ti gonfia come un pallone?

Il consiglio: visto che non si può rinunciare proprio a tutto, conviene osservare le reazioni del proprio corpo ai diversi dolcificanti, ed eventualmente escludere dalla lista della spesa i principali indiziati del gonfiore.

Il consiglio “toilet-friendly” per la lotta contro i nemici del bagno

Bere molta acqua, fare sport regolarmente, adottare i trucchetti di cui sopra, prestare attenzione alle porzioni e bilanciare gli elementi con alto contenuto di fibre vi trasformeranno in veri amici del bagno. Insomma… la vecchia regola della nonna – pasti piccoli e bilanciati – funziona sempre (sempre che per vostra nonna non sia sempre Natale!)

Send this to a friend