Iscriviti alla newsletter

Back

Ad un anno da quel famoso #iorestoacasa possiamo tranquillamente dire di averle provate tutte per passare il tempo tra le mura domestiche. E se provassimo con l’home gardening?

 

Per accedere al balcone, gli appassionati di giardinaggio avranno ormai bisogno del machete, ma se finora vi siete dedicati solamente al pane fatto in casa e alle serie di Netflix, questo potrebbe essere il momento giusto per cimentarvi nel giardinaggio.

Attenzione però: prima di trasformare la vostra casa in un circolo di auto-aiuto per “pollici neri”, domandatevi che cosa vi aspettate dalle piante (anche loro si sentono sotto pressione).

Fiori rosa, fiori di pesco, anche questa sera resto (in casa)

Sì, è passato un anno. Sì, il Festival di Sanremo ci ha contagiati. E sì: la primavera è alle porte. Se state pensando a come conciliare tutte queste pulsioni esterne, abbiamo la risposta per voi: il gardening domestico.

Prendersi cura di una pianta è un bellissimo modo per dedicare energie ad un progetto che vi farà stare sicuramente bene e che aiuterà la concentrazione, il relax e la soddisfazione personale. Decisamente un ottimo antistress (e in questo periodo ne abbiamo tutti bisogno).

Il consiglio in più: dicono che parlare alle piante aiuti a farle crescere rigogliose. Pensate a cosa può succedere se addirittura cantate mentre vi prendete cura di loro!

Viva la pappa, col po-po-po-mo-do-ro!

In appena 370 mq, calcolati tra casa e giardino, la famiglia Dervaes di Los Angeles produce circa 2000 kg di verdure all’anno, senza calcolare la frutta di stagione e le uova delle loro galline. Se partite da zero, l’autosostentamento alimentare è probabilmente un obiettivo un po’ pretenzioso, ma volete mettere la soddisfazione di veder crescere anche solo un ortaggio per piantina?

Studiate la disposizione del vostro giardino, terrazzo o balcone e, in base a questo, comprate le prime semenze, piantandole nel periodo indicato. Innaffiatele, attendete e… gustate!

Il consiglio in più: i pomodori e il prezzemolo crescono (quasi sempre). Provare per credere.

Respiriamo l’aria e gridiamo aspettando primavera!

Le giornate si stanno allungando e la voglia di respirare “aria buona” è pressante. Ebbene, le piante hanno anche questo superpotere: riescono a migliorare la qualità dell’aria grazie alla capacità di trasformare l’anidride carbonica in ossigeno e assorbire i composti organici volatili.

Queste bellezze vegetali riescono a depurare l’aria in modo del tutto naturale, aiutando contemporaneamente a controllare l’umidità. Non sarà come trovarsi in una giungla tropicale né come sentire “la foresta che respira”, ma un respiro a pieni polmoni è un buon toccasana per il buonumore.

Il consiglio in più: se non avete tempo da dedicare alla cura delle piante, provate con le pareti verticali o i quadri vegetali. Una boccata d’aria a distanza di muro.  

Rose rosse per te, ti ho comprato stasera

Se l’obiettivo è stupire con l’arredamento, usando le piante da appartamento l’effetto di stile sarà assicurato.

Utilizzare tocchi di verde all’interno di un’abitazione è un ottimo metodo per impreziosire un ambiente. Una pianta che scende lungo la libreria con il suo bel ciuffo rigoglioso o una bella orchidea che impreziosisce il vostro bagno sono delle idee tres chic.

Il consiglio in più: piante succulente e sempreverdi sono le migliori alleate di stile nell’arredamento di interni. Se però il pollice verde non è proprio il vostro forte, puntate senza indugi sulle piante finte!

Send this to a friend